giovedì 28 gennaio 2010

KOSOVO NEWS 05


“EU House” ensures EULEX in the north (Koha Ditore)

Koha Ditore reports that EULEX will begin to carry out the concrete tasks foreseen in the strategy for the north, after opening the “House of EU” there. The EU mission will implement the strategy without the need to take sides on the matter, and while carrying out its tasks, which are also described in its mandate. The “EU House” in northern Kosovo will be a presence that will cover all EU mechanisms in Kosovo, while its installation will facilitate EULEX’s approach and other mechanisms of EU in that part of Kosovo. A high-ranking international official told the newspaper that in this way, EULEX will begin to “implement tasks stemming from the strategy”, without the need to take a position in support of or against, and without having to request official guidance from Brussels on the matter. The “EU House”, which is foreseen in the strategy for the north, is expected to be established in the most problematic part of Kosovo. According to the strategy, it will promote and assist public services such as water supply, central heating, and will negotiate between parties in the Kroi I Vitakut area regarding reconstruction.

European Commission and Government discuss visa liberalization (dailies)
Dailies report that a European Commission delegation arrived on Wednesday in Pristina to developments in the fields of justice, freedom of movement and security with the Kosovo authorities over the next three days. The visit of the Commission is a regular occurrence within the framework of the European integration process. Koha Ditore reports that officials from the Ministry of Interior did not wish to make any announcement regarding the visit, despite Interior Minister Zenun Pajaziti speaking of the visit one day before. European Commission Liaison Office spokesperson Maja Pavlovic explained that the discussions are not directly linked to the visa liberalization process, and that they are part of the Stabilization Association process. “The dialogue on visa liberalization, as such, has not yet begun. However, it is true that issues to be raised during the discussions on internal matters also concern the visa liberalization process,” said Pavlovic.

Serwer: ICJ decision is Belgrade’s last hope (dailies)
Dailies report that U.S. Institute for Peace Vice-President Daniel Serwer told Voice of America that the decision of the International Court of Justice (ICJ) on Kosovo is Belgrade’s last hope, and that Belgrade is aiming to divide Kosovo. Speaking about the north, Serwer said that Serbia tends to keep control of that zone and it appears that it has succeeded so far, because no one from the international community opposes it. “I think that Belgrade is very determined to keep de facto control over the northern part of Kosovo. It appears that the international community is determined to keep the same position, because it does not want problems. It does not want to feed Albanians’ dissatisfaction in Kosovo and the Presevo region, but neither does it want to feed dissatisfaction of Serbs. Nevertheless, Belgrade’s final aim is the disintegration and division of Kosovo,” said Serwer.

domenica 24 gennaio 2010

RAPPORTO TRIMESTRALE ONU SUL KOSOVO


Il 22 gennaio il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si è riunito per discutere sulla situazione del Kosovo. I quindici membri del massimo organo delle Nazioni Unite sono stati chiamati a discutere l’ultima relazione trimestrale del segretario generale Ban Ki-moon. Il rapporto ricopre le attività svolte da UNMIK e gli sviluppi compiuti tra il 16 settembre e il 15 dicembre 2009.
Nel testo il segretario dell'ONU sottolinea come la strategia di UNMIK resti la promozione della sicurezza, la stabilità e il rispetto dei diritti umani in Kosovo e nella regione, in collaborazione con tutte le comunità in Kosovo, così come con Pristina e Belgrado e con gli attori regionali e internazionali. "Durante questo periodo, UNMIK ha continuato a sostenere le varie comunità minoritarie, per promuovere la riconciliazione e per facilitare il dialogo e la cooperazione regionale" è riportato nella relazione. L'invito di Ban Ki-moon sembrerebbe quello di convincere Belgrado e Pristina a lasciare da parte la questione dello status del Kosovo per concentrarsi sulla cooperazione regionale.
Nella parte relativa al contesto politico sono state esposte le tappe più significative: la discussione della legittimità o meno presso la Corte Internazionale di Giustizia, l'approvazione del budget per il 2010 (1.46 miliardi di euro), il riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo da parte di 64 stati e l'esito delle recenti elezioni amministrative, le prime dopo l'indipendenza, secondo quanto previsto dal Piano Ahtisaari. UNMIK resta coinvolta, continua la relazione, "a favorire l'impegno di tutte le parti, al fine di trovare soluzioni pratiche ai problemi di reciproco interesse. Nonostante la collaborazione con tutte le parti, l'accordo si è rivelato difficile in settori come la giustizia, le dogane e il patrimonio culturale". Un intero paragrafo, il IV, è dedicato alla questione del nord del Kosovo. Il rapporto riporta che "l'Ufficio UNMIK di Mitrovica ha continuato a funzionare come facilitatore e arbitro nei rapporti tra i leader locali serbi e la comunità albanese del nord del Kosovo. La presenza della Missione ha fornito ai serbi del Kosovo un canale di comunicazione, quando richiesto, con le autorità di Pristina. UNMIK ha funto anche come un ponte tra EULEX e i leader politici locali, alcuni dei quali ancora si rifiutano, anche se non così violentemente come prima, di comunicare direttamente con EULEX". E ancora "sviluppi positivi sono evidenti per quel che riguarda il ritorno degli albanesi del Kosovo nel quartiere di Kroi i Vitakut/Brdjani -nella parte settentrionale di Mitrovica- che è stato teatro di violenze durante i mesi estivi".
E' stato altresì affrontato il delicato problema della fornitura di energia elettrica nel nord, le cui tensioni emerse hanno richiamato l'attenzione del pubblico. "Consultazioni operative tra Kosovo Energy Corporation e l'Electric Power Industry della Serbia sono in corso al fine di trovare una soddisfacente soluzione a lungo termine, in assenza della quale la possibilità per l'instabilità rimane" viene riportato nel testo.
L'intero rapporto che nelle sue 18 pagine riporta le osservazioni del Rappresentante Speciale del Segretario dell'ONU in Kosovo, Lamberto Zannier, la relazione dell'Alto Rappresentante dell'Unione Europea sulle attività di EULEX, contiene anche riflessioni sui diritti umani, i rientri delle minoranze (il numero dei rientri è rimasto molto basso, nonostante gli sforzi di tutte le parti per incoraggiarli), la salvaguardia del patrimonio religioso e culturale, (durante il periodo di riferimento, molti siti del patrimonio culturale e religioso serbo sono stati colpiti da atti vandalici), il rispetto della legge (un numero crescente di serbi del Kosovo hanno chiesto - e molti hanno già ricevuto - carte d'identità del Kosovo e altri documenti di stato civile) la sicurezza (la situazione complessiva della sicurezza è rimasta relativamente calma, ma potenzialmente fragile), le elezioni e le politiche del decentramento.

Il testo, in lingua inglese è consultabile nel sito del Consiglio di Sicurezza dell'ONU.

giovedì 14 gennaio 2010

KOSOVO NEWS 04


Internationals’ strategy for the north (Koha Ditore)

Koha Ditore reports that the Quint states, the EU, EULEX and ICO are close to drafting a strategy for northern Kosovo. The draft document aims to change dynamics in the north in three ways: to change discourse towards the north (of both national and international actors), to enforce the policy that the use of force is not a solution for the north, and to create stimulation for the voluntary cooperation of Serbs.
Koha Ditore reports that the International presence in Kosovo is close to finalizing this strategic document, in which steps will be defined for the establishment of the authority of Kosovo institutions in the north. “The strategy aims to change the current status quo in the north, including the approach of national and international circles in Pristina towards the north,” said a source.
Four main actions are included in the strategy: The creation of the north Mitrovica municipality; the creation of conditions for normalizing the three other northern municipalities; the enforcement of EULEX to fulfill its mandate; and the house of EU to promote positive changes.

Police expel Bogdanovic from Kosovo (dailies)
All dailies report that Kosovo Police expelled Serbian Minister for Kosovo Goran Bogdanovic from the territory of the Republic of Kosovo on Wednesday, as according to police, he was conducting political activities in the municipality of Shtërpce. Bogdanovic was stopped by police around noon as he was about to meet with municipal authorities elected in the Serbian elections of May 2009, and was escorted to the Merdare border crossing point.
“Based on information we have, the so-called Serbian minister for Kosovo Goran Bogdanovic was about to conduct political activities which are against the decision of the Government of Kosovo. Based on this decision, at around 11:45 hours, police identified his location and escorted him to border crossing point 3, where he was expelled from the territory of the Republic of Kosovo,” said Shpend Maxhuni, Kosovo Police deputy director of operations.

Many questions around Giffoni-Tadic meeting (Zëri)
The daily reports on its front page that Italian Ambassador to Kosovo and EU special envoy to the north Michael Giffoni was seen accompanying Serbian President Boris Tadic while he visited the Deçan Monastery on Orthodox Christmas. Giffoni denied having had any meetings with Tadic, and said that the encounter was coincidental and that he attended the religious ceremony for personal reasons, as he always does during the festivities of any religion.
Vetëvendosja leader Albin Kurti said the meeting between Giffoni and Tadic came as a result of the implementation of the UN Secretary-General’s Six-Point Plan. Kurti added that since Tadic was not accompanied by EUSR Pieter Feith, but rather by Giffoni, it shows that they agree with Tadic that the north of Kosovo does not belong to Kosovo, but rather to Serbia.

lunedì 11 gennaio 2010

MITROVICA E I CRONICI PROBLEMI A NORD DEL KOSOVO

In Kosovo il nuovo anno è iniziato nel modo più scontato e prevedibile. I giorni a cavallo tra il 2009 e il 2010 sono stati cadenzati da una serie di eventi che hanno spinto la Comunità Internazionale e le istituzioni kosovare a dover intervenire, ognuna dalla propria angolatura, sulle questioni cruciali che da sempre attanagliano il paese. Ricordiamo che nelle ultime tre settimane, il clima è diventato sempre più teso. Bombette, che non avevano nulla a che fare con quelle natalizie, sparatorie e risse, hanno fatto da sfondo al grigio autunno kosovaro. I motivi sempre gli stessi: amministrazione del territorio, riconoscimento dell'indipendenza o meno, gestione delle frontiere a nord del paese. E' molto probabile che a maggio, come auspicano i rappresentanti di ICO, si terranno le elezioni locali nella parte nord di Mitrovica. Da questo angolo di visuale, alzare l'attenzione e radicalizzare gli scontri servirebbe a qualcuno per compattare la comunità serba di Mitrovica, in vista, appunto, delle elezioni locali e di una probabile risoluzione dei problemi politico-amministrativi alle frontiere con la Serbia (che non possono più essere posticipati nè sottovalutati dalla Comunità Internazionale).


Le istituzioni locali di Pristina, invece, sul terreno delle frontiere, della legalità e del pagamento delle tasse per le merci che entrano in Kosovo, stanno facendo i conti con le pressioni crescenti dell'opposizione capeggiata da Ramush Haradinaj. Per l'opposizione, che trova sempre più consenso tra i cittadini, il nord del Kosovo non è ancora integrato con il resto del paese e il governo di Pristina non ha ancora una chiara strategia d'azione. Le istituzioni kosovare non sono pronte nè capaci di dispiegare le forze di polizia, dissolvere le strutture parallele serbe o semplicemente estendere la loro autorità nel nord come nel resto del paese. Nel nord del Kosovo la legge e la diplomazia fanno a pugni con una realtà difficile. Per i serbi, giustamente, è ancora in vigore la risoluzione ONU 1244 in forza della quale il Kosovo è riconosciuto come una provincia della Serbia, per gli albanesi, invece, l'intero territorio kosovaro deve essere sotto il potere e controllo delle autorità del nuovo stato indipendente. Come sempre, tra questi due fuochi dovrà intervenire la Comunità Internazionale, ed Eulex in particolar modo. In merito alla spinosa questione di Mitrovica e del nord del Paese ne abbiamo parlato con l'Ambasciatore Michael L. Giffoni che è anche political facilitator tra UE e la parte nord del Kosovo.

sabato 9 gennaio 2010

KOSOVO NEWS 03

Mesic: History cannot be reversed (dailies)
Croatian President Stipe Mesic during the visit to Kosovo yesterday said that independence is irreversible and that Kosovo cannot return under Serbia’s rule again. He also called on Serbia to stop fostering illusions that Kosovo can go to a pre-independence situation since the architecture of the region has taken on a new shape and is now oriented towards European integrations. “I have said many times and I will repeat again: Serbia doesn’t have to recognise Kosovo but at a certain point in time, if only for the interests of Serbs living here, it should set a sort of modus vivendi on Kosovo,” said Mesic. Mesic was presented by President Fatmir Sejdiu with the Golden Medal of Independence and was declared Pristina’s citizen of honour. Croatian President also addressed the members of the Kosovo Assembly. During his visit, chief prosecutors from Kosovo and Croatia also signed a memorandum for cooperation in the fight against organised crime.

Fitzgerald: Parallel structures present a threat (dailies)
“We view all breaches of Security Council Resolution 1244 as a threat to security. Since parallel structures are not recognised by this resolution, we are concerned about them,” said Commander of NATO Allied Joint Force Command Naples Mark Fitzgerald whilst on a visit to Kosovo. Fitzgerald made the comments after meeting COMKFOR Markus Bentler. NATO admiral also met President Fatmir Sejdiu

Serb MUP monitors north of Mitrovica through cameras (Koha Ditore)
The paper quotes sources saying that the Serbian Interior Ministry (MUP) and the Serb Intelligence Service have placed cameras in light poles and various buildings in north Mitrovica so as to monitor the situation 24 hours. In addition, the source said that MUP has also placed micro cameras in post boxes. Kosovo Police, says the paper, is not aware of this. “We have no information on the existence of these cameras,” said Spokesman Besim Hoti who added that the Kosovo Police will look into the issue.

lunedì 4 gennaio 2010

IO, LA MIA FAMIGLIA ROM E WOODY ALLEN

Il documenatario "Io, la Mia Famiglia Rom e Woody Allen" di Laura Halilovic ha vinto il premio Miglior Documentario Internazionale al One World/Nje Bote Human Rights International Film Festival che si è tenuto a Pristina dal 15 al 20 dicembre.
“Caro Woody”: così la 19enne regista di origine rom, Laura Halilovic, inizia la lettera indirizzata al suo regista preferito. Lei, la bambina rom cresciuta in un campo nomadi alle porte di Torino, che ha dovuto fare i conti con i soliti pregiudizi a scuola, oggi ha coronato un sogno. Ha intrapreso la carriera di regista con il documentario “Io, la mia famiglia rom e Woody Allen”. Il racconto in prima persona esplora i cambiamenti e le difficoltà della nuova vita stanziale, le relazioni con i parenti che ancora vivono nomadi, i contrasti e le incomprensioni che fin da bambina la accompagnano nelle relazioni con gli altri, i Gagè. Attraverso i ricordi dei suoi familiari, tra cui l’anziana nonna che ancora vive in un campo, le fotografie e i filmati del padre che ha documentato negli anni la vita quotidiana della piccola comunità, scopriamo una realtà sconosciuta che fino ad oggi abbiamo voluto conoscere solo attraverso gli stereotipi e i luoghi comuni. Ma il documentario non è soltanto la storia di una famiglia, di fatto chi parla è una ragazza di oggi che cresce inseguendo i propri sogni di adolescente, combattendo contro i pregiudizi e le tradizioni di una cultura difficile da accettare. Alla giovane regista auguro un grande successo con l'auspicio che il suo percorso possa essere un insegnamento per tutti noi, per quanti sono soliti discriminare senza se e senza ma.


Laura Halilovic è nata a Torino nel 1989. Terminata la scuola dell'obbligo ha collaborato, tramite un progetto di borsa lavoro, in qualità di assistente alla regia, alle attività del Centro di Cultura per la Comunicazione e i Media di Via Modena a Torino (una struttura ITER/ Istituzione Torinese per un Educazione Responsabile dei Servizi Educativi della Città di Torino). Illusione (6') 2007, è il suo primo cortometraggio ed ha vinto il festival Sotto-18 . Grazie a questo cortometraggio Laura è stata ospite del programma di RAI 3 Screensaver. "Io, la Mia Famiglia Rom e Woody Allen" è il suo primo documentario.