domenica 29 novembre 2009

MILITARI ITALIANI IN KOSOVO:RIDIMENSIONAMENTO SENSATO O FRASI AD EFFETTO?

In Kosovo sono presenti circa 14000 soldati della Kfor, dei quali 1935 sono italiani. Cifre molto alte se paragonate al contesto in cui operano. Di recente anche il Ministero della Difesa pare se ne sia accorto. Non si conoscono ancora i dettagli, ma sembra imminente un ridimensionamento dei nostri soldati. La notizia, se confermata, sarebbe un ottimo risultato in quanto chiude anni di sprechi e risorse che avrebbero potuto servire più direttamente le popolazioni locali. Ovviamente, i Generali di turno sembrano non gradire e come il Generale Roberto D'Alessandro, al vertice della Multinational Task Force West, si lasciano andare a dichiarazioni che creano scompiglio tra la minoranza serba del Kosovo. Stando all'articolo del 25 novembre, In Kosovo è allarme per i Monasteri, comparso su il Manifesto, il Generale D'Alessandro ha dichiarato: "Oggi i nostri militari ridurranno i presìdi a Decani e al Patriarcato di Pec". Così posta l'affermazione pare essere assai pretestuosa, utile solo a creare panico tra la popolazione serbo-ortodossa che riceve l'indispensabile supporto dei nostri soldati. Se è vero che la situazione in Kosovo non sia più paragonabile a quella di qualche anno fa, non si può dire che si sia normalizzata e luoghi come quelli che controlla la Kfor italiana (Patriarcato di Pec e Monastero di Decani) sono di inestimabile valore storico e religioso e, quindi, altamente sensibili.
Se l'intento del Generale era quello di servirsi delle giuste preoccupazioni dei monaci ortodossi e di conseguenza della popolazione serba del Kosovo per far giungere in Italia il messaggio della loro assoluta necessità in Kosovo, l'annuncio centra pienamente l'obiettivo. Comunque sia, 2000 soldati sono tantissimi, ancor di più se la maggior parte di loro vive e bivacca all'interno della base militare (Villaggio Italia). E' auspicabile la riduzione di almeno un terzo del contingente (600 soldati) in modo da rappresentare ancora una significativa presenza in loco, capace comunque di proteggere i siti religiosi e storici del patrimonio serbo-ortodosso. Le dichiarazioni del Generale, come prevedibile, hanno preoccupato i monaci di Decani e padre Teodosje. Sull'argomento abbiamo sentito le preoccupazioni e accolto l'appello di Sanda Raškovic-Ivic, Ambasciatrice della Serbia in Italia.





leggi anche Il costo dei militari italiani in Kosovo

Nessun commento:

Posta un commento